Questioni filosofiche

Epochē | filosofia

Epochē , nella filosofia greca , "sospensione del giudizio", un principio originariamente sposato da filosofi non dogmaticiGli scettici dell'antica Accademia greca che, vedendo il problema della conoscenza come insolubile, hanno proposto che, quando sorgono controversie, si dovrebbe adottare un atteggiamento di non coinvolgimento per ottenere la pace della mente per la vita quotidiana.

Il termine è stato utilizzato nel 20 ° secolo da Edmund Husserl , il fondatore difenomenologia , che la vedeva come una tecnica, più fondamentale di quella dell'astrazione e dell'esame delle essenze, che serve a mettere in luce la coscienza stessa. Il filosofo dovrebbe praticare una sorta di dubbio cartesiano, metodico e provvisorio, rispetto a tutte le credenze di buon senso; dovrebbe metterli, e in effetti tutte le cose del mondo naturale-empirico, tra "parentesi", sottoponendoli a una sospensione trascendentale di convinzione - all'epoca e . Senza smettere di crederci, dovrebbe mettere fuori gioco la sua convinzione per concentrarsi sulle apparenze di case, alberi e persone, che poi diventano equivalenti all'esistenza della sua consapevolezza di loro. Quindi, la coscienza stessa è immune all'epocaē che dissolve i suoi oggetti. IlEpochē ha compiuto il suo lavoro, tuttavia, non appena la coscienza si è manifestata alla sua percezione interiore, poiché solo allora la coscienza può essere soggetta alla stessa astrazione generalizzata e allo stesso esame dell'essenza che era stato applicato ai suoi oggetti. Così, viene prodotta una fenomenologia pura che integra le ontologie (teorie dell'essere) per aree speciali e spiega come i loro oggetti appaiono o sono dati.